“Qualche settimana fa, un gruppo della nostra Scuola, ha avuto il piacere di partecipare come volontari ai Giochi Nazionali Invernali a Sappada.
Più che un’ esperienza, preferiamo considerarlo un viaggio, carico di novità e persone incredibili, che per quanto possa essere stato corto, è comunque riuscito a cambiarci nel profondo.
La permanenza a Sappada è durata cinque giorni, tutti molto carichi di attività e responsabilità.
La sveglia era perennemente impostata alle 6.00 di mattina e serviva da momento di ritrovo tra volontari e atleti per prepararsi quindi alla faticosa giornata che ci attendeva.
Trascorso il primo piacevole momento della giornata, ci dirigevamo tutti verso le piste. Il nostro compito era di assistere gli atleti, spronarli facendo il tifo per loro, aiutandoli a dare il 100% durante tutta la gara.
Finita la mattinata di gare, iniziava per tutti la parte più allegra e spensierata della giornata; tutti insieme a pranzare un pasto caldo e a godere di sorrisi, sicuramente i più sinceri che abbiamo avuto modo di vedere nella nostra vita.
Pranzare con gli atleti è stato un ottimo modo per conoscere persone meravigliose e per poter ascoltare le loro storie fantastiche. Il resto della giornata lo abbiamo trascorso in festa, ritrovandoci per le strade di Sappada, ballando e ridendo insieme a tutti i partecipanti.
Sfortunatamente la giornata però arrivava a termine con noi volontari pur molto stanchi e provati, ma felicissimi ed entusiasti al pensiero di avere davanti una nuova giornata ricca di emozioni.
Ancora oggi non riusciamo a credere che tutto questo sia già finito; ci riteniamo felicissimi di avervi potuto partecipare e di poterne portare il ricordo nel cuore e nelle stupende fotografie che abbiamo fatto.
Abbiamo voluto condividere oggi questo nostro pensiero con voi organizzatori, per farvi comprendere la gioia e la meraviglia di questa esperienza e soprattutto per portarvi a conoscenza delle “speciali” persone che abbiamo conosciuto.
Non pensiamo che esistano parole per descrivere quanto grande sia la passione per lo sport e la volontà che questi atleti hanno e di quanto sia grande il loro coraggio per affrontare una sfida così importante, nonostante le difficoltà con cui devono convivere quotidianamente.
Speriamo che questa nostra testimonianza possa avvicinare più volontari possibili a questo mondo così speciale e a partecipare alla prossima edizione per fare un’importante esperienza di vita!
Un ringraziamento a Special Olympics Italia per la grande opportunità che ci è stata offerta!!”

I ragazzi dell’ Istituto Cossar-Da Vinci di Gorizia